Signora delle Camelie: l'incredibile popolarità di prostitute in epoca vittoriana

• Signora delle Camelie: l'incredibile popolarità di prostitute in epoca vittoriana

In considerazione degli abitanti moderna del concetto di "epoca vittoriana" associato fanatismo e rigidità. Ma in quei giorni, ero presente e "l'altro lato della medaglia." A Londra, la seconda metà del XIX secolo è stato fortemente sviluppato la prostituzione. Nella sola capitale, legalmente, ci sono stati circa 80.000 falene.

Signora delle Camelie: l'incredibile popolarità di prostitute in epoca vittoriana Signora delle Camelie: l'incredibile popolarità di prostitute in epoca vittoriana

In epoca vittoriana struttura patriarcale implicava che il posto di una donna doveva essere proprio accanto al marito. Le signore non sono stati autorizzati a lavorare e avere il proprio reddito, il loro compito principale è considerata la nascita di bambini e servizio di pulizia. Quelle donne che stavano cercando di raggiungere l'indipendenza finanziaria, potrebbero andare a lavorare a meno che le stenografi o cameriere, ma questo non è sufficiente anche per un pezzo di pane.

Fu allora che l'atteggiamento verso la prostituzione è stata radicalmente cambiata. Le giovani donne considerate come un'occupazione intermedia per guadagnare denaro facile e quindi modificare la professione. Tuttavia, molti detenuti nei bordelli per gli anni a venire.

Signora delle Camelie: l'incredibile popolarità di prostitute in epoca vittoriana

Le prostitute sono stati divisi in diverse categorie. In fondo, c'era chi lavorava nei bordelli. Quelle donne hanno dovuto dare la maggior parte degli stabilimenti hostess guadagni ( "Madame"). C'erano quelli che impegnati nella prostituzione per conto proprio, non condividere con nessuno. "Elite" del mestiere sono state considerate rappresentative del demi-monde, o in un'altra cortigiana. Queste signore hanno parlato solo con i ricchi e aristocratici. Alcuni addirittura riuscito a sposare i loro clienti.

Signora delle Camelie: l'incredibile popolarità di prostitute in epoca vittoriana

Molti tradizionale sesso a prezzi accessibili ha cessato di essere interessante, quindi, in alcuni bordelli praticati con gioia inclinazione sadomaso. Queste istituzioni goduto molto maggiore popolarità rispetto alle solite bordelli.

Signora delle Camelie: l'incredibile popolarità di prostitute in epoca vittoriana

L'età legale di "entrata in una professione," ha cominciato con 13 anni. Alcune famiglie rurali povere a vendere le loro figlie a bordelli anche 11 anni per ricevere regolarmente una percentuale delle ragazze che lavorano.

Nel 1885, gli alveari giornalista Thomas Stead (W.T. Stead) è stato il primo a combattere contro la prostituzione minorile. Ha pubblicato una serie di articoli rivelatori nella rivista Pall Mall Magazine su come il processo di acquisto di ragazze. Il giornalista ha descritto l'acquisto di 13-year-old virgin. Inizialmente, il cliente ha esposto la conferma di un medico della verginità del bambino e quindi ha proposto di usare il cloroformio, la ragazza non ha resistito al momento "giusto".

Londra protesta pubblica ha costretto il governo ad adottare una modifica del codice penale per aumentare l ' "età del consenso sessuale" a 16 anni. orticaria Successivamente Thomas Stead è stato nominato per il Premio Nobel per la Pace.

Signora delle Camelie: l'incredibile popolarità di prostitute in epoca vittoriana

Un tale numero di prostitute legali non potrebbe portare a malattie infettive e di massa da parte dei clienti e tra di loro prostitute. Nel 1864, la legge sulle malattie infettive. Tutte le donne di facili costumi dovevano sottoporsi ad essere obbligatoriamente un esame medico. Coloro che hanno avuto una malattia sessualmente trasmessa, isolato negli ospedali per tre mesi. Rifiutato sospesi dal lavoro.

Signora delle Camelie: l'incredibile popolarità di prostitute in epoca vittoriana

Il famoso scrittore Charles Dickens ha fatto molto bene per le donne di facili costumi del tempo. Ha creato insieme in un rifugio per le prostitute "Urania Cottage" filantropo Angela Georgina Burdett-Coutts (Angela Georgina Burdett-Coutts). Siamo andati a prostitute, che non volevano più che a impegnarsi nella loro professione e vogliono ricominciare a vivere. Sono le storie delle donne cadute e le ragioni costringendoli ad andare al pannello, porre le basi per le opere di Dickens.